Home » Prevenzione Cardiovascolare » S.dell’ovaio policistico

S.dell’ovaio policistico

E’ molto frequente che un’ecografia pelvica venga richiesta, in una donna giovane, per valutare se vi sia la condizione di una policistosi (o micropolicistosi) ovarica.

La micropolicistosi ovarica è una disfunzione ormonale cronica caratterizzata da un eccesso di androgeni e dalla riduzione o assenza della capacità ovulatoria dell’ovaio. L’assenza di ovulazione causa le irregolarità mestruali, mentre l’eccesso di androgeni è alla base dei tipici sintomi e segni accessori che fanno sospettare questa sindrome: acne, irsutismo, sovrappeso, ipertensione.

Va precisato che naturalmente solo una piccola percentuale delle irregolarità mestruali della donna sono da ascrivere ad una sindrome dell’ovaio policistico. Anche l’acne, del resto, trova le sue origini prevalenti nei fattori cutanei piuttosto che in un fattore ovarico.

Tuttavia in presenza di più segni di sospetto tra quelli appena enunciati è corretto effettuare una valutazione ecografica delle ovaie che deve essere sempre comunque accompagnata anche da una valutazione clinica e dall’analisi di alcuni dosaggi ormonali che potranno dimostrare l’iperandrogenismo. L’ecografia e i dosaggi ormonali dovranno anche stabilire l’eventuale coesitenza di uno stato di iperestrogenismo, imputabile alle irregolarità mestruali con assenza di ovulazione.

L’ecografia pelvica potrà evidenziare, nei casi tipici, delle ovaie aumentate di volume, contraddistinte da un aumento della componente follicolare corticale. Ciò significa che la porzione corticale dell’ovaio (cioè la sua porzione “perimetrale”) contiene un numero eccessivo di follicoli che normalmente dovrebbero essere rappresentati nel numero massimo di 8-10 per ciascun lato. Come si può osservare nella foto sotto i follicoli sono numerosissimi e disposti anche “a corona di rosario” perifericamente.

ovaio

Si nota inoltre un ovaio di dimensioni aumentate con foggia allungata.

Si confronti questo ovaio con un ovaio normale nel quale sono più contenuti il numero dei follicoli e le dimensioni:

ovaio1

 Note di terapia

Il fondamento terapeutico consiste nella correzione dell’iperandrogenismo. Il principio attivo maggiormente impiegato a questo fine è il ciproterone acetato (ANDROCUR), che, nei casi meno impegnativi, può essere somministrato come progestinico di una specifica pillola contraccettiva (DIANE).

Saranno terapie complementari quella dermatologica per l’acne e quella estetica per l’irsutismo.

Aspetti pratici

I provvedimenti terapeutici appena nominati sono a mio parere indicati soltanto qualora le conseguenze legate all’iperandrogenismo (acne, irsutismo) siano sufficientemente evidenti e disturbanti. Oppure quando si osservi l’esistenza, oltre all’eccesso di androgeni, anche di un eccesso di estrogeni che, stimolando a lungo termine l’endometrio (cioè la mucosa uterina), può portarlo a patologia iperplastica e polipoide.

Vi sono infatti numerosi casi di micropolicistosi ovarica che non sono accompagnati da significative manifestazioni iperandrogeniche, ma che si limitano semplicemente a qualche irregolarità del ciclo (con mestruazioni che a volte “saltano”, fatto che tecnicamente è denominato oligomenorrea, cioè «poche mestruazioni»). In questi casi, una volta esclusa l’esistenza di un eccesso di estrogeni, l’unica conseguenza “rischiosa” è di avere qualche difficoltà a concepire, a causa di un’ovulazione capricciosa. Altre conseguenze per la salute della donna non ce ne sono!

Una mia massima è: nessuna donna è mai morta per aver avuto poche mestruazioni; qualche donna invece è morta per averne avute troppe.

Ovvero, il principio secondo il quale la donna che abbia poche e irregolari mestruazioni sia una donna malata o sia a rischio di peggiorare in qualche modo la sua salute è una falsità che purtroppo ha incontrato molto seguito come dicerìa popolare.

 

Inoltre è importante tenere presente che il trascorrere degli anni tende a “sfumare” la sintomatologia da micropolicistosi ovarica. Si assiste cioè ad un graduale miglioramento spontaneo di questa sindrome con l’avanzare dell’età della donna oltre la fase adolescenziale.

 

In conclusione una ragazza giovane con micropolicistosi ovarica e oligomenorrea, che non stia cercando una gravidanza e non abbia acne o irsutismo a livelli significativi, non necessita obbligatoriamente di trattare il suo lieve iperandrogenismo o di assumere una pillola contraccettiva con il solo scopo di “regolarizzare” le mestruazioni. In questi casi può valere la pena di assumere la pillola solo quando vi sia contemporaneamente anche uno scopo propriamente contraccettivo o in quei pochi casi in cui si sospetti un eccesso di estrogeni.

Chi cerca una gravidanza potrà invece sottoporsi a cicli di trattamento con farmaci induttori dell’ovulazione, monitorando strettamente i dosaggi e i risultati in modo da correggere i dosaggi troppo bassi e in modo da evitare, all’opposto, sindromi da iperstimolazione ovarica con ovulazioni multiple e possibilità di gravidanze plurigemellari.

 

 


Leave a comment

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook