M.I.C.I.

(Anticorpi anti-citoplasma perinucleare dei neutrofili)

La Colite Indeterminata (C. I.)

La Colite Indeterminata è una Malattia Infiammatoria Cronica Intestinale (MICI) in cui coesistono nello stesso soggetto, sia contemporaneamente che in fasi successive, caratteristiche endoscopiche ed istologiche sia della Rettocolite Ulcerosa (RCU) sia del Morbo di Crohn (MC). Le Coliti indeterminate possono rimanere tali o evolvere nel tempo specificatamente verso una delle 2 forme.

Nelle casistiche più recenti la Colite indeterminata rappresenta circa il 10% – 15% di tutte le MICI. L’eziopatogenesi non è ancora chiara; si ritiene comunque che sia di tipo multifattoriale con il coinvolgimento di diversi fattori quali quelli genetici, ambientali, infettivi e autoimmunitari. La diagnosi si basa sia su dati clinici, laboratoristici che strumentali anche se solo le caratteristiche istologiche possono caratterizzare la forma di MICI. Schematicamente dal punto di vista istologico la RCU è caratterizzata da un infiltrato infiammatorio delle cripte con la perdita dell’architettura delle ghiandole e deplezione di cellule mucipare. Il MC è invece caratterizzato da una infiammazione transmurale infiltrato infiammatorio, fibrosi, presenza di aggregati linfoidi, dilatazioni e sclerosi dei vasi linfatici e la formazione di tipici granulomi. Nella colite indeterminata è proprio tale distinzione istologica che viene a mancare. Sono quindi importanti tutte quelle indagini che possano indirizzare verso una forma piuttosto che un’altra e che sono già in uso per la diagnosi standard

( endoscopia, tecniche di radiologia tradizionale, Spiral TAC e RMN , scintigrafia con leucociti marcati, ecografia, ecc.).

Inoltre vi sono anche indagini di laboratorio che possono aiutare a distinguere le 2 forme.

Negli ultimi anni infatti è stata introdotta la ricerca di 2 autoanticorpi : i pANCA (Anticorpi anti-citoplasma perinucleare dei neutrofili) e gli ASCA (anticorpi anti-Saccaromices). I p-ANCA sono più facilmente associati alla RCU mentre gli ASCA al MC sebbene la loro sensibilità e specificità sia senz’altro inferiore al 100%. Un’indicazione particolare all’uso di tali tests sierologici, suggerita da Mac Dermott, riguarda la colite indeterminata. Questo specie per pazienti che necessitino di una terapia chirurgica. Ricordiamo infatti che gli interventi in elezione sono diversi tra RCU e MC (colectomia con anastomosi ileo-anale e pouch o ileo-retto anastomosi , ecc. ). Tale indicazione si basa sulle seguenti osservazioni.

pazienti con MC e p-ANCA positivi hanno una condizione infiammatoria simil-RCU;

la presenza di p-ANCA correla con l’insorgenza di pouchite in soggetti con RCU sottoposti a colectomia;

la frequenza di colectomia nei pazienti con colite indeterminata è molto maggiore che in quelli con diagnosi certa di RCU

il tasso di pouchite è molto più alto nei soggetti con colite indeterminata (19%) che in quelli con RCU (5-8%).

Anche l’introduzione di una recente tecnica diagnostica innovativa, l’ileoscopia con videocapsula, si sta rilevando di estrema utilità nella diagnostica differenziale delle 2 forme. Tale esame permette di identificare possibili lesioni , tipo macroulcerazioni, lesioni iperplastiche, ecc. a livello del piccolo intestino, non altrimenti dimostrabili, facendo propendere la diagnosi verso un MC.

Riassumendo, la colite indeterminata è acquisizione relativamente recente. La sua incidenza è in aumento in tutti i centri che si occupano di MICI. La necessità di una sicura diagnosi differenziale è fondamentale specie nel caso di pazienti che abbiano   bisogno di essere sottoposti ad intervento chirurgico.


Leave a comment

maggio: 2017
L M M G V S D
« Feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Facebook

Ostacolando MAINEX si fa Carriera, mi aspetto una prossima promozione per chi ha impedito la relazione scientifica di Tolmezzo. ...

View on Facebook

A fronte di una crescente domanda di “benessere” non c’è un adeguamento della medicina inteso come apparato concettuale, come sistema epistemico, come capacità cognitiva, c’è una risposta “sanitaria” pur importante in termini di mezzi terapeutici, diagnostici e di trattamenti i più vari, ma gestita in modo economicistico (culto dell’efficienza, del risparmio, del controllo, della misurazione) e con modalità tradizionali. (Ivan Cavicchi) ...

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

Il modello sanitario che immagino nel territorio è quella di un medico di base in grado di gestire le patologie croniche e la prevenzione organizzando gli ambulatori in modo che un giorno vengano visti i diabetici, un giorno gli ipertesi, un giorno quelli con Scompenso cardiaco, un giorno gli obesi a cui elaborare una dieta equilibrata e bilanciata secondo le raccomandazioni dell’Istituto nazionale della nutrizione, un giorno quelli con BPCO, un giorno i problemi della donna (menopausa e irregolarità mestruali).

Come per l'ipertensione , anche il modulo delle patologie della pre e post menopausa adotta lo stesso metodo dei Sistemi esperti. Analogamente anche le altre patologie croniche sono state organizzate allo stesso modo e possono essere fruibili dai medici di base per realizzare un nuovo modello di assistenza sanitaria diverso dall'attuale.
Mainex garantisce il raggiungimento degli obiettivi che quasi 20 anni di ECM (educazione continua in medicina) non ha raggiunto.
...

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)" ...

View on Facebook