Home » Prevenzione Cardiovascolare » Sovradosaggio

Sovradosaggio

Come comportarsi in caso di iperdosaggio (INR >4,5) e nelle emorragie

INR <6 in assenza di emorragia:         sospendere la terapia per 1-2 giorni e poi ridurre il dosaggiodi warfarin di 1,25-2,5 mg e controllare INR entro una settimana

INR tra 6 e 10 in assenza di emorragia:        sospendere la terapia e somministrare vit. K 0,5-1 mg per os e ricontrollare INR dopo 24 ore. Successivamente regolarsi in base ai valori di INR

INR <6 e emorragia scarsamente significativa   (es.modesta epistassi):       sospendere la terapia, somministrare vit.K. 0,5-1 mg per os, ricontrollare INR entro 24 ore: e istruire il paziente a recarsi immediatamente in ospedale in caso di peggioramento dell’emorragia

 

In situazioni di maggior rischio rispetto ai tre punti precedenti   inviare il paziente al centro ospedaliero

Note:

  • può essere utile ricordare che l’effetto della somministrazione di vitamina K si protraggono per alcuni giorni,

soprattutto per dosi relativamente elevate.

  • in caso di emorragia “maggiore” (Tabella 8) in presenza di INR 3 il paziente è ad alto rischio di successivi

episodi emorragici. Deve quindi essere seguito da un centro specialistico dopo attenta valutazione della reale

necessità di proseguire la terapia anticoagulante

  • in caso di importante emorragia gastroenterica o renale in presenza di INR 3 si deve sospettare e ricercare una

concomitante patologia neoplastica.

Linee Guida per la gestione del paziente con INR compreso tra 5 e 10

1) Contattare il paziente e cercare di identificare le ragioni del valore elevato dell’INR (ad esempio interazioni

farmacologiche,

dieta, malattie intercorrenti, disguidi terapeutici ecc)

2) Escludere, con esame clinico ed anamnesi, la presenza di sanguinamenti in atto (epistassi, emorragie

gastroenteriche ecc.)

3) Invitare il paziente a ridurre l’attività fisica e riferire immediatamente segni di sanguinamento

4) Sospendere 1 o 2 dosi di warfarin

5) Nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento somministrare 1.25 – 2.5 mg di vit. K per os. Per INR >9

somministrare comunque vit. K

6) per INR >6 contattare, se possibile, un centro di riferimento

7) pianificare controlli ogni 24 o, massimo, 48 ore, fino al rientro dell’INR a valori inferiori a 5.In caso di

trattamento con vit. K eseguire controlli giornalieri,per la facilità di rientro in valori subterapeutici. Se il

paziente non è stato trattato con vit. K reintrodurre il warfarin solo al rientro dell’INR nel range

terapeutico.

8) Valutare l’opportunità di ridurre la dose del 10-15%, salvo siano state trovate spiegazioni del rialzo

dell’INR


Leave a comment

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari.
Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali 60000 medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.
...

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari. Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.

View on Facebook