Home » Prevenzione Cardiovascolare » Dieta: criteri

Dieta: criteri

SCHEMA DI TRATTAMENTO

LA DIETA DEVE ESSERE STABILITA IN BASE A CRITERI QUANTITATIVI E QUALITATIVI

1)DETERMINARE PESO E ALTEZZA

2) SE IL PESO SUPERA DEL 20% QUELLO IDEALE INIZIARE IL     TRATTAMENTO 3)DIETA IPOCALORICA:

paziente di piccola taglia e/o inattivo 800—-1000 kcal

paziente di grossa taglia e/o attivo 1200–1500 kcal    con eventuale aggiunta di farmaci anoressizzanti

4)ATTIVITA’ FISICA :     camminare 1h/die per 2 settimane,o attività corrispondente in palestra;     camminare 2h/die per 2 settimane,o attività corrispondente in palestra;     1h/die di attività fisica più impegnativa (bicicletta, tennis, footing) sino al     raggiungimento del peso ideale, poi 1h due volte la settimana di attività     fisica

5)controllare il peso una volta la settimana :si dovrebbero perdere        400-500 g

6) RAGGIUNTO IL PESO VOLUTO , AGGIUSTARE LA DIETA     PER MANTENERLO

CRITERI QUANTITATIVI

Quando l’obesità è modesta, ed evidentemente correlata ad una alimentazione eccessiva e squilibrata,sarà sufficiente convincere il paziente a mangiare di meno e a ridurre in particolare i cibi più ricchi di carboidrati e grassi

QUANDO l’obesità è più spiccata si può calcolare una dieta con un deficit di 1000 kcal rispetto al fabbisogno calorico ideale ** : ad esempio, se il fabbisogno calorico del paziente è di 2500 kcal si prescriverà una dieta di 1500 kcal; con una dieta di questo tipo il paziente dovrebbe perdere, teoricamente, poco meno di 1 kg per settimana. Alternativamente, senza tener conto del fabbisogno calorico ideale, si può, più semplicemente, prescrivere una dieta di 800 kcal se il paziente è di piccola taglia e/o ha un’attività modesta , di 1500 kcal se il paziente è di grossa taglia e/o svolge un’attività intensa.

** IL Fabbisogno calorico è calcolato in base al peso ideale del soggetto. Si assegnano 30 kcal/kg per lavoro medio 40 kcal/kg per lavoro pesante, non sedentario, 20 kcal/kg per pazienti degenti

CRITERI QUALITATIVI LA DIETA DEVE ESSERE FACILE ,SOPPORTABILE E PROLUNGABILE INDEFINITAMENTE LE DIETE D’ESCLUSIONE NON HANNO MOTIVAZIONI SCIENTIFICHE CERTE  se, talora, hanno successo ciò è da ascrivere alle capacità del singolo terapeuta di suscitare nel paziente entusiasmo ed aderenza alla <<nuova dieta>>

UNA DIETA IPOCALORICA BILANCIATA DEVE CONTENERE:

1)almeno 1–1.5 g/kg di proteine;

2)un’adeguata quantità di grassi(circa 1 g/kg), prevalentemente sotto forma di condimenti cosi da renderla accetta

3)una quantità adeguata di carboidrati, comunque non inferiori ai 50–60 g escludendo dolci e frutta secca;

4)le bevande alcoliche devono essere escluse o drasticamente ridotte;

5)consigliare di non bere durante i pasti (cosi si rendono meno appetibili i cibi solidi e quindi se ne riduce l’introduzione

6)la quantità di sale può essere normale

7)frazionare l’assunzione dei cibi in 4–5 pasti al giorno

8)potranno essere somministrati composti che danno senso di ripienezza

 

 


Leave a comment

maggio: 2017
L M M G V S D
« Feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Facebook

Ostacolando MAINEX si fa Carriera, mi aspetto una prossima promozione per chi ha impedito la relazione scientifica di Tolmezzo. ...

View on Facebook

A fronte di una crescente domanda di “benessere” non c’è un adeguamento della medicina inteso come apparato concettuale, come sistema epistemico, come capacità cognitiva, c’è una risposta “sanitaria” pur importante in termini di mezzi terapeutici, diagnostici e di trattamenti i più vari, ma gestita in modo economicistico (culto dell’efficienza, del risparmio, del controllo, della misurazione) e con modalità tradizionali. (Ivan Cavicchi) ...

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

Il modello sanitario che immagino nel territorio è quella di un medico di base in grado di gestire le patologie croniche e la prevenzione organizzando gli ambulatori in modo che un giorno vengano visti i diabetici, un giorno gli ipertesi, un giorno quelli con Scompenso cardiaco, un giorno gli obesi a cui elaborare una dieta equilibrata e bilanciata secondo le raccomandazioni dell’Istituto nazionale della nutrizione, un giorno quelli con BPCO, un giorno i problemi della donna (menopausa e irregolarità mestruali).

Come per l'ipertensione , anche il modulo delle patologie della pre e post menopausa adotta lo stesso metodo dei Sistemi esperti. Analogamente anche le altre patologie croniche sono state organizzate allo stesso modo e possono essere fruibili dai medici di base per realizzare un nuovo modello di assistenza sanitaria diverso dall'attuale.
Mainex garantisce il raggiungimento degli obiettivi che quasi 20 anni di ECM (educazione continua in medicina) non ha raggiunto.
...

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)" ...

View on Facebook