Home » Prevenzione Cardiovascolare » Dieta: criteri

Dieta: criteri

SCHEMA DI TRATTAMENTO

LA DIETA DEVE ESSERE STABILITA IN BASE A CRITERI QUANTITATIVI E QUALITATIVI

1)DETERMINARE PESO E ALTEZZA

2) SE IL PESO SUPERA DEL 20% QUELLO IDEALE INIZIARE IL     TRATTAMENTO 3)DIETA IPOCALORICA:

paziente di piccola taglia e/o inattivo 800—-1000 kcal

paziente di grossa taglia e/o attivo 1200–1500 kcal    con eventuale aggiunta di farmaci anoressizzanti

4) ATTIVITA’ FISICA :     camminare 1h/die per 2 settimane,o attività corrispondente in palestra;     camminare 2h/die per 2 settimane,o attività corrispondente in palestra;     1h/die di attività fisica più impegnativa (bicicletta, tennis, footing) sino al     raggiungimento del peso ideale, poi 1h due volte la settimana di attività     fisica

5) controllare il peso una volta la settimana :si dovrebbero perdere        400-500 g

6) RAGGIUNTO IL PESO VOLUTO , AGGIUSTARE LA DIETA     PER MANTENERLO

CRITERI QUANTITATIVI

Quando l’obesità è modesta, ed evidentemente correlata ad una alimentazione eccessiva e squilibrata,sarà sufficiente convincere il paziente a mangiare di meno e a ridurre in particolare i cibi più ricchi di carboidrati e grassi

QUANDO l’obesità è più spiccata si può calcolare una dieta con un deficit di 1000 kcal rispetto al fabbisogno calorico ideale ** : ad esempio, se il fabbisogno calorico del paziente è di 2500 kcal si prescriverà una dieta di 1500 kcal; con una dieta di questo tipo il paziente dovrebbe perdere, teoricamente, poco meno di 1 kg per settimana. Alternativamente, senza tener conto del fabbisogno calorico ideale, si può, più semplicemente, prescrivere una dieta di 800 kcal se il paziente è di piccola taglia e/o ha un’attività modesta , di 1500 kcal se il paziente è di grossa taglia e/o svolge un’attività intensa.

** IL Fabbisogno calorico è calcolato in base al peso ideale del soggetto. Si assegnano 30 kcal/kg per lavoro medio 40 kcal/kg per lavoro pesante, non sedentario, 20 kcal/kg per pazienti degenti

CRITERI QUALITATIVI LA DIETA DEVE ESSERE FACILE ,SOPPORTABILE E PROLUNGABILE INDEFINITAMENTE LE DIETE D’ESCLUSIONE NON HANNO MOTIVAZIONI SCIENTIFICHE CERTE  se, talora, hanno successo ciò è da ascrivere alle capacità del singolo terapeuta di suscitare nel paziente entusiasmo ed aderenza alla <<nuova dieta>>

UNA DIETA IPOCALORICA BILANCIATA DEVE CONTENERE:

1) almeno 1–1.5 g/kg di proteine;

2) un’adeguata quantità di grassi(circa 1 g/kg), prevalentemente sotto forma di condimenti cosi da renderla accetta

3) una quantità adeguata di carboidrati, comunque non inferiori ai 50–60 g escludendo dolci e frutta secca;

4) le bevande alcoliche devono essere escluse o drasticamente ridotte;

5) consigliare di non bere durante i pasti (cosi si rendono meno appetibili i cibi solidi e quindi se ne riduce l’introduzione

6) la quantità di sale può essere normale

7) frazionare l’assunzione dei cibi in 4–5 pasti al giorno

8) potranno essere somministrati composti che danno senso di ripienezza

 

 


Leave a comment

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Facebook

“Non cambierai mai le cose combattendo la realta’ esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta’ obsoleta (R.B.Fuller)” ...

View on Facebook

Una Riforma Sanitaria non può essere realizzata senza la valorizzazione dell'attività clinica del medico. ...

View on Facebook

Mainex ha aggiornato la sua immagine di copertina. ...

View on Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook