Home » Miscellanea (dalla A alla Z) » “Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)”

“Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)”

La denominazione comune, Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) raccoglie tre quadri clinici: Anoressia nervosa, Bulimia Nervosa, Disturbi del Comportamento Alimentare non altrimenti specificati (o atipici o parziali o subliminali).

Da un punto di vista scientifico, rispetto al rapido divulgarsi dei DCA su tutto il territorio nazionale, la ricerca ha raggiunto numerosi accertamenti scientifici, anche se risulta ancora poca chiarezza da un punto di vista nosologico. Attraverso la ricerca si è identificato un quadro sintomatologico dei DCA confluente nelle attuali descrizioni proposte dal DSM IV.

Un metodo alternativo per la valutazione dello stato del prorio peso, consiste nel valutare l’Indice di Massa Corporea (IMC). A tale scopo puo’ essere utilizzato lo strumento di fianco, che oltre a calcolare l’IMC, provvede ad analizzare il valore dell’IMC.

Gli studi più recenti condotti sui DCA hanno messo in evidenza alcuni dati fra cui:

– la loro prevalenza in soggetti adolescenti e di genere femminile

– una diffusione rapida anche nel mondo maschile

– per la loro gravosa e decisa tendenza alla cronicizzazione, si stanno diffondendo anche nell’età adulta

– tendono a combinarsi gli uni agli altri attraverso un codice di malessere psichico legato all’alimentazione e all’instaurarsi di un circolo vizioso: Restrizione Disinibizione – Colpa / Allarme – Restrizione.

Da un punto di vista sociale, i DCA rappresentano un “male” in forte incremento che tocca il singolo nella sua interezza somato – psichica.

Tab I Anoressia nervosa. Criteri diagnostici DSM-IV (cod.307.1)

Anoressia Nervosa

A) Rifiuto di mantenere il peso corporeo al livello minimo normale per l’età e la statura o al di sopra di esso (p.e.: perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell’ 85% di quello atteso; o, in età evolutiva, mancanza dell’aumento di peso previsto che porta a un peso corporeo inferiore all’85% di quello atteso).

B) Intensa paura di aumentare di peso o di ingrassare, pur essendo sottopeso.

C) Disturbi nel modo di sentire il peso e le forme del proprio corpo, influenza indebita del peso e delle forme del corpo sulla valutazione di sé, o diniego della gravità della perdita di peso attuale.

D) Nelle donne che hanno già avuto il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi. (Si considera una donna amenorroica se i suoi cicli avvengono solo dopo somministrazione di ormoni, p.e. di estrogeni).

Specificare il tipo:

Tipo restrittivo

Durante l’episodio di anoressia Nervosa la persona non presenta frequenti episodi di abbuffate o di comportamenti purgativi (p.e. vomito autoindotto o abuso-uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri).

Tipo bulimico

Durante l’episodio di Anoressia Nervosa la persona presenta frequenti episodi di abbuffate compulsive o di comportamenti purgativi (p.e. vomito autoindotto o abuso-uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri).

(la soglia di frequenza non è fissata: >episodio/settimana

Tab. II Bulimia nervosa. Criteri diagnostici DSM-IV, 1994 (cod. 307.51)

Bulimia Nervosa

A) Episodi ricorrenti di abbuffate compulsive. Un’ abbuffata compulsiva è definita dai due caratteri seguenti ( entrambi necessari):

– Mangiare in un periodo di tempo circoscritto (Es. nell’arco di due ore), una quantità di cibo che è indiscutibilmente maggiore di quella che la maggior parte della gente mangerebbe nello stesso tempo in circostanze simili.

– Un senso di mancanza di controllo sull’atto di mangiare durante l’episodio (p.e. sentire di non poter smettere di mangiare o di non poter controllare cosa o quanto si sta mangiando).

B) Comportamenti ricorrenti impropri di compenso indirizzati a prevenire aumenti di peso, come: vomito autoindotto; abuso-uso improprio di lassativi, diuretici, clisteri o altri farmaci; digiuno; esercizio fisico eccessivo.

C) Abbuffate e contro misure improprie capitano, entrambe, in media, almeno due volte a settimana per tre mesi.

D) La valutazione di sé è indebitamente influenzata dalle forme e dal peso del corpo.

E) Il disturbo non capita soltanto nel corso di episodi di Anoressia Nervosa

Specificare il tipo:

Tipo purgativo

Durante l’episodio attuale di Bulimia Nervosa, la persona si è provocata frequentemente in modo improprio lassativi, diuretici o clisteri.

Tipo non-purgativo

Durante l’episodio attuale di Bulimia Nervosa, la persona ha usato altri comportamenti impropri di compenso, come il digiuno o l’esercizio fisico eccessivo, ma non si è provocata frequentemente il vomito né ha usato frequentemente in modo improprio lassativi, diuretici

maggio: 2017
L M M G V S D
« Feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Facebook

Ostacolando MAINEX si fa Carriera, mi aspetto una prossima promozione per chi ha impedito la relazione scientifica di Tolmezzo. ...

View on Facebook

A fronte di una crescente domanda di “benessere” non c’è un adeguamento della medicina inteso come apparato concettuale, come sistema epistemico, come capacità cognitiva, c’è una risposta “sanitaria” pur importante in termini di mezzi terapeutici, diagnostici e di trattamenti i più vari, ma gestita in modo economicistico (culto dell’efficienza, del risparmio, del controllo, della misurazione) e con modalità tradizionali. (Ivan Cavicchi) ...

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

Il modello sanitario che immagino nel territorio è quella di un medico di base in grado di gestire le patologie croniche e la prevenzione organizzando gli ambulatori in modo che un giorno vengano visti i diabetici, un giorno gli ipertesi, un giorno quelli con Scompenso cardiaco, un giorno gli obesi a cui elaborare una dieta equilibrata e bilanciata secondo le raccomandazioni dell’Istituto nazionale della nutrizione, un giorno quelli con BPCO, un giorno i problemi della donna (menopausa e irregolarità mestruali).

Come per l'ipertensione , anche il modulo delle patologie della pre e post menopausa adotta lo stesso metodo dei Sistemi esperti. Analogamente anche le altre patologie croniche sono state organizzate allo stesso modo e possono essere fruibili dai medici di base per realizzare un nuovo modello di assistenza sanitaria diverso dall'attuale.
Mainex garantisce il raggiungimento degli obiettivi che quasi 20 anni di ECM (educazione continua in medicina) non ha raggiunto.
...

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)"

View on Facebook

"Non cambierai mai le cose combattendo la realta' esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta' obsoleta (R.B.Fuller)" ...

View on Facebook