Home » Miscellanea (dalla A alla Z) » Terapia 10 regole

Terapia 10 regole

10 REGOLE per gestire lo SCC

Lo scompenso cardiaco e’ una sindrome clinica complessa caratterizzata da un deficit della funzione ventricolare, del sistema di regolazione neuroormonale, intolleranza allo sforzo, dispnea, ritenzione di fluidi e riduzione della longevita’. Nonostante i continui perfezionamenti dell’approccio terapeutico, la prognosi ”quoad vitam” per i pazienti affetti da scompenso cardiaco rimane severa: il rischio di decesso, infatti, pari al 5-10% per anno in pazienti con scompenso cardiaco lieve, aumenta drasticamente al 30-40% nei quadri clinici avanzati. Sulla base delle attuali conoscenze medico scientifiche, le sole classi farmacologiche che hanno dimostrato di migliorare la sopravvivenza dei pazienti affetti da scompenso cardiaco sono rappresentate dagli ACE inibitori, dallo spironolattone e dai beta bloccanti. Questi farmaci, pertanto, dovrebbero essere usati nella maggioranza dei pazienti con scompenso cardiaco, anche se il loro utilizzo richiede un attento dosaggio e monitoraggio da parte del Medico.
I diuretici e la digitale, invece, pur migliorando la sintomatologia e riducendo il numero dei ricoveri, non sono associati ad una riduzione della mortalita’.
Il rischio di decesso risulta addirittura aumentato con i farmaci antiaritmici di Classe I, gli agenti inotropi positivi non glicosidici ed i calcio antagonisti con azione inotropa negativa, come il verapamil e il diltiazem, che pertanto dovrebbero essere sempre evitati.

La terapia dello scompenso cardiaco fonda il suo razionale, essenzialmente, sull’uso di pochi farmaci .
1)    Ace-inibitori che sono da assumere per sempre e se ci sono effetti collaterali, prima di passare ai
sartani bisognerebbe provare con un altro aceinibitore.
Attenzione, però, negli anziani con grave disfunzione diastolica da marcata cardiomiopatia ipertrofica,
dal momento che farmaci come gli ACE che riducono il carico possono renderli ipotesi.
In caso.
2)    associare i diuretici tiazidici per contrastare l’iperkaliemia provocata dagli ace e per ridurre il
sovraccarico ventricolare e gli edemi . Se c’è insufficienza renale o gli edemi sono resistenti
aggiungere diuretici dell’ansa o simil tiazidici
Se c’è fegato da stasi o uno scompenso destro sono utili i risparmiatori di potassio (spironolattone)
3)  Una volta che il quadro clinico è stabilizzato da almeno 2 settimane ( peso corporeo stabile, paziente asciutto si può passare ai            betabloccanti con le dovute cautele all’inizio della terapia (dosaggio da aumentare gradualmente)
4) ipotensione da gestire
[la PAS non deve scendere In questa fase occorre evitare l’effetto sinergico dei 3 farmaci ipotensivi e si può giostrare
differendo in diverse ore della giornata la loro assunzione, i bb rallentano l’effetto ipotensivo se assunti dopo il pasto.

5) Se ci sono sintomi da scompenso ( affaticabilità, dispnea, mal stare generale ortopnea, si può
ricorrere alla Digitale. [ mantenere la digossinemia < 1,2 mgdl]
6)  se c’è una tachiaritmia da FA a frequenza non controllata dalla digitale si può aggiungere
l’isoptin o l’amiodarone.
7)    se la Frazione d’eiezione < 40 è prioritaro il Betablocco ed eventualmente la TAO se trombofilia.
8)   Quando lo scompenso ha una etiopatogenesi di natura ischemica può essere utile il CA: Amlodopina.
9)   Tutti vanno vaccinati contro l’influenza e lo pneumococco catarrale
10)  Naturalmente vanno monitorati gli elettroliti, l’azotemia, la creatininemia, le transaminasi, la calcemia, ecg
e aggiustare la terapia a seconda degli effetti collaterali correggendo le situazioni anomale.


Leave a comment

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook