Home » Politica sanitaria » Il pronto soccorso privato

Il pronto soccorso privato

bologna_il_pronto_soccorso privato per i casi meno gravi

L’inaugurazione del pronto soccorso

Apre nel complesso Terme San Petronio-Antalgik, e si occuperà di contusioni, lussazioni e altri problemi “lievi” che intasano gli ospedali. La visita costa 100 euro

19 aprile 2016
Ha aperto a Bologna un Pronto intervento ortopedico, traumatologico e fisiatrico privato e a pagamento. Curerà contusioni, lussazioni, distorsioni e patologie ortopedico-fisiatriche, problematiche che di solito tendono a intasare il Pronto soccorso e poi essere trattate, poiché non urgenti, dopo lunghe attese (i famosi camici bianchi o, peggio, verdi). Si trova in via Irnerio 12/A, nel complesso Terme San Petronio-Antalgik-Bodi, sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30. La visita costerà 100 euro, poi eventuali esami di diagnostica ad immagini potranno essere eseguiti (se ci sono le condizioni) in accreditamento col servizio sanitario nazionale o con il rimborso da fondi e casse assistenziali private. “Siamo molto orgogliosi di essere qui oggi – ha spiegato Antonio Monti, direttore scientifico del Circuito della Salute Più e ideatore del Pronto intervento – per mettere a disposizione della città una via complementare al Pronto Soccorso ospedaliero. Al Pronto soccorso si può attendere per ore con i codici verde e bianco, con il rischio anche di creare maggiori disservizi al servizio pubblico: noi ci poniamo come una risorsa che possa essere di aiuto sia ai cittadini bolognesi che al welfare”. “Questo

pronto intervento è un’ulteriore buona idea in un luogo che è già un punto di riferimento in città per la salute – ha aggiunto Luca Rizzo Nervo, assessore sanità e integrazione socio-sanitaria del Comune di Bologna – costruito sui bisogni delle persone e in grado di seguire l’evoluzione delle necessità della sanità pubblica. Occorre costruire una programmazione complementare tra pubblico e privato”.

 


1 commento

Leave a comment

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari.
Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali 60000 medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.
...

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari. Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.

View on Facebook