Home » Politica sanitaria » Epistemologia della Medicina

Epistemologia della Medicina

  1. Knowledge management  

         Per scaricare il modulo ipertensione arteriosa cliccare su

                             MAINEX       

    Epistemologia della Medicina

    Negli ultimi 50 anni i mutamenti sociali, intesi nella loro complessità (etici culturali sociali economici, ambientali) e le innovazioni tecnologiche hanno messo in discussione il paradigma della Medicina, inteso come l’apparato concettuale, acquisito con la formazione universitaria. Sociologi, filosofi, psicologi, economisti e politici : ognuno di questi ha proposto la sua ricetta per migliorare la Sanità : i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Si è cominciato negli anni 60 con l’Umanizzazione della medicina, antroposofia, la filosofia cinese, indiana , dalla medicina biomedica si è passati alla Medicina biopsicosociale (medicina narrativa, Slow medicine, medicina basata sull’evidenza). Se i risultati non sono stati pari alle aspettative è perchè questi profani della Sanità si sono indirizzati a delegittimare l’approccio positivista della medicina, basato dall’esigenza di attenersi ai fatti, sulla distinzione tra razionale e irrazionale, sulla demarcazione tra vero e falso, sul metodo sperimentale, vale a dire sulla verifica delle verità cioè delle evidenze. Sono proliferate le terapie non convenzionali provocando la ulteriore regressione del paradigma Medicina e la costante delegittimazione dei contenuti scientifici e metodologici rispetto ai contesti operativi, nei quali questi “sono organizzati”, dei “riferimenti sociali” della domanda rispetto ai sistemi di offerta delle prestazioni. Invece di promuovere l’aspetto biopsicosociale, valorizzando il ruolo del paziente diventato “esigente” (oggetto/malattia —>soggetto/malato in grado di interferire non più passivamente nella relazione medico-paziente) trasformando il paradigma positivista in post-positivista si è rafforzato il modello riduzionista tecno-scientifico che si voleva contrastare riducendo e frammentando il malato dapprima ad organo e addirittura , con l’avvento della genomica , a molecola. E’ mancato l’approccio epistemologico della conoscenza nel senso di riuscire a trarre delle conclusioni logiche dalla complessità dei fenomeni che influenzano la malattia ed il suo decorso. Un esempio di approccio epistemologico è MAINEX (Medical Application Information Expert) in cui la molteplicità delle problematiche e la loro interdisciplinarità vengono riaggregate , sintetizzate, analizzate ed unificate dal supporto decisionale. Il supporto decisionale rilegittimerebbe il medico sul piano epistemico riducendo il gap culturale accumulato con l’accelerazione del progresso scientifico degli ultimi anni e riacquisterebbe credibilità nei confronti dell’ex paziente diventato “esigente”, con il quale possiamo ripristinare il rapporto di fiducia (non più conflittuale) che era stato minato dall’economicismo tecnocratico. L’alleanza tra il medico più bravo e l’esigente (ex paziente)  sempre più informato potrà interrompere il trend verso la medicina privata e favorire la sostenibilità del SSN pubblico sempre più minacciato dall’eccessivo specialismo.

    p.s.

    In parole povere si potrebbe affermare che illustri personaggi che non hanno mai studiato Medicina si sono arrogati il diritto di insegnare ai medici la professione. Anche le Università , le Società scientifiche sono rimaste indietro ed hanno prodotto un mini-medico sul piano delle possibilità epistemiche, culturali e sociali, nonché strettamente sanitarie sempre più deresponsabilizzato e ciò stride rispetto alla maximedicina sul piano delle possibilità scientifiche. 


Leave a comment

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook