Home » Prevenzione Cardiovascolare » Riorganizzazione della Medicina di base

Riorganizzazione della Medicina di base

Per scaricare il modulo ipertensione arteriosa cliccare su  MAINEX

MAINEX       

video esplicativi

Titolo

Riorganizzazione della Medicina di base

 

Tema

Acquisizione di ambiti di conoscenza specialistica ed applicazione alla popolazione assistita

 

Obiettivo

Con l’ausilio di un supporto decisionale di tipo esperto (Decision support System) mettere tutti i medici di base in condizione di erogare prestazioni di tipo specialistico per la Prevenzione e le Patologie croniche a più alto impatto sociale ( ictus, infarto, ipertensione, diabete, etc.

 

Descrizione

 

La conoscenza è la somma di tante informazioni tra loro correlate, queste informazioni possono essere assemblate con algoritmi che si embricano in modo intelligente con un Decision Support System

Il DSS prevede: l’introduzione, nella memoria dell’elaboratore, della struttura degli elementi che caratterizzano un certo fenomeno (i cosiddetti “fatti” come le caratteristiche antropometriche, cliniche ed ematochimiche del paziente), sia le regole che rappresentano ciò che normalmente si intende per conoscenza di un certo fenomeno (come i risultati elaborati dal Framingham Study oppure le linee guida del diabete, dell’ipertensione o dello Scompenso cardiaco, della T.A.O., della BPCO, dell’Asma, etc.).  La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame (Specialista)  Un prototipo di DSS è stato elaborato in EXCEL ( MAINEX) , per far capire come si applicano le conoscenze scientifiche si può visionare il modulo dell’Ipertensione arteriosa , che rappresenta la patologia più diffusa nella popolazione ed è il Fattore di rischio più rilevante per l’Infarto e l’ictus e di conseguenze per le invalidità . La terapia rappresenta il capitolo maggiore della spesa sanitaria e con questo modulo si evitano quelle inappropriate . Attualmente esistono 15 classi farmacologiche, esse vanno scelte in base alle caratteristiche fisiche, antropometriche , biochimiche ed in base alle comorbilità presenti . In genere sono da processare oltre un centinaio di parametri che riesce difficile anche allo stesso specialista e ancor di più al medico di base , che tra l’altro, oberato da una incredibile burocrazia. Il metodo è applicabile alle altre patologie .Per capire come funziona si può scaricare il prototipo su http://www.mainex.it/portal/?p=1357

Ambito

Sanità

Stato della Legislazione

 

la legge n. 189/2012: la riorganizzazione dell’assistenza territoriale  con  la nascita di poliambulatori in cui i medici operano a turno per garantire l’assistenza h24  con lo scopo di ridurre gli accessi ai Pronto soccorso e  le liste di attesa per le visite specialistiche è fallito perché il decreto fonda il suo razionale su contenitori  anziché sui contenuti. I contenuti sono inerenti al livello di preparazione e di efficienza degli stessi operatori attualmente attivi. Le inadeguatezze strutturali che si propone di eliminare il Decreto le amplifica , invece, a danno della Sanità Pubblica ed a favore della Sanità privata. In generale possiamo affermare, senza tema di essere smentiti, che la legislazione sanitaria è viziata da due violazioni del codice penale:  il millantato credito ed il Falso ideologico.

1) Il millantato credito perché si presuppone  che allargando gli orari di apertura degli ambulatori possa migliorare la qualità degli interventi degli attuali operatori sanitari, che anche se fossero dotati di una Formazione adeguata non hanno modo di esercitarla a causa dell’informatizzazione  attualmente in uso orientata alla gestione burocratica che assorbe la maggior parte del tempo a discapito del rapporto medico-paziente.

2) Il falso ideologico in quanto l’Educazione Continua in Medicina (ECM) non è applicabile nella pratica quotidiana dai medici per problemi legati al tipo di rapporto convenzionale  (3 ore per ogni 1500 pazienti) e siccome in media con 1500 assistiti deve processare oltre 50 cartelle cliniche  è impossibile pensare al rispetto dei percorsi diagnostici e terapeutici proposti dall’ECM e quantunque si allarghi l’orario degli studi medici non cambia in proporzione il numero degli accessi tra lo studio del singolo medico e i poliambulatori  in cui si sommano solamente.

Se poi consideriamo che gli incentivi sono legati ad obiettivi minimi per non dire elementari, come l’esecuzione di una emoglobina glicata, è inimaginabile gestire un diabetico ignorando le implicazioni legate alle complicazioni . Pertanto si propone di sostituire i gestionali burocratici con DSS

 

Comparazione

In altri paesi come la Francia  (considerata come migliore Sanità dall’OMS) e la Catalogna (a modello dalla legislazione italiana) esistono altre legislazioni che prevedono l’assistenza indiretta in Francia e la dipendenza dei medici di base nella Catalogna . In italia dovrebbe adottare i punti di forza di queste due impostazioni. Con l’indiretta si ridurrebbe drasticamente il ricorso ad una assistenza  inappropriata e con la dipendenza i medici riacquisterebbero maggiore potere decisionale sugli interventi sanitari, condizionato dalla pressione comunicazionale della medicina specialistica  e dei media sugli utenti.

Rimossi questi 2 handicap si ridurrebbe anche la Burocrazia ed aumenterebbe il tempo dedicato alla clinica . I supporti decisionali potrebbere essere utilizzati e dotando gli studi medici con un collaboratore e una strumentazione  di base ( ecg, spirometro, bilancia e statimetro e glucometro) si potrebbero gestire la maggior parte delle patologie croniche in condizioni di stabilità.

 

 

Esperienza

Il modello sanitario che immagino nel territorio è quella di un medico di base in grado di gestire le patologie croniche e la prevenzione organizzando gli ambulatori in modo che un giorno vengano visti i diabetici, un giorno gli ipertesi, un giorno quelli con Scompenso cardiaco, un giorno gli obesi a cui elaborare una dieta equilibrata e bilanciata secondo le raccomandazioni dell’Istituto nazionale della nutrizione, un giorno quelli con BPCO, un giorno i problemi della donna (menopausa e irregolarità mestruali). Nel mio piccolo, con un organizzazione dello studio senza collaboratore e con un numero di 800 assistiti ed il supporto decisionale ho realizzato questo modello di assistenza ed ho potuto confrontarmi senza sottomissione agli specialisti. Il MdS mi ha invitato al Forum Sanità Futura, La Commissione nazionale ECM ha accreditato con il massimo dei crediti due corsi di Formazione, All’estero è stato premiato come migliore progetto di assistenza nel territorio .


Leave a comment

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook