Home » Prevenzione Cardiovascolare » Semeiotica Cardiaca

Semeiotica Cardiaca

   

 

     RITMO DI GALOPPO  Nello scompenso cardiaco il 1° tono è attutito mentre il 2° tono è accentuato, se vi è ipertensione polmonare. La presenza di un 3° tono aggiunto (3° tono) è considerato un segno prognostico di scompenso cardiaco grave Il 3° tono di origine ventricolare sx si ascolta con particolare evidenza dopo l’inspirazione in regione apicale e con il paziente in decubito laterale sx, mentre il 3° tono di origine ventricolare dx si apprezza durante l’inspirazione in regione parasternale sx ed in decubito supino. Il 3° tono è a bassa frequenza e sordo e si ascolta meglio con la campana dello stetoscopio appoggiata appena sul torace con il paziente in decubito laterale sx. Ma il 3° tono non è un reperto specifico dello scompenso cardiaco e può essere presente anche in soggetti normali, di età inferiore a 40 anni, oltre che nell’insufficienza mitralica.

Terzo Tono patologico

Semeiologia   Auscultatoria del Cuore

 

Disco 1                    Toni Cardiaci

 

Brano 1                      reperto normale in un adulto  1° tono cupo, 2°  tono  chiaro

Brano 2                      reperto normale in un in un bambino con aritmia respiratoria

Brano 3                      reperto ascoltatorio normale in un neonato

Brano 4                      Toni cardiaci fetali accompagnati dal polso materno sotto forma di un lieve

soffio sistolico

 

Extratoni: ritmo di galoppo sistolico

 

Brano 5                      Extratoni: ritmo di galoppo sistolico esempio 5  bipartizione del 1° tono

percepibile sottoforma di due impulsi separati

Brano 6                      sdoppiamento del 1° tono

Brano 7                      click mesosistolico con breve extratono che cade nella parte centrale della

sistole

Brano 8                      click telesistolico: un 2 tono cupo è preceduto a breve distanza da 2° extra

tono di timbro chiaro

Brano 9                      click telesistolico a incidenza variabile : il 2 tono è preceduto da un extratono

chiaro  che durante l’espirazione si allontana dal 2 tono e diventa perciò più

evidente

Brano 10                    Bipartizione del 2° tono: solo durante l’inspirazione si verifica una

suddivisione del 2° tono in 2 impulsiacustici distinti

Brano 11                    Sdoppiamento de 2° tono in presenza di bbsx: evdente e costante suddivisione

del 2° tono in 3 parti

Brano 12                    Sdoppiamento del 2° tono in presenza di Extrasistolia ventricolare

Brano 13                    Tono pericardico : extra tono di timbro chiaro che segue immediatamente il

2° tono

Brano 14                    Tono di apertura della mitrale con un lungo intervallo in presenza di ritmo

sinusale regolare

Brano 15                    Tono di apertura della mitrale con breve intervallo in presenza di ritmo

sinusale regolare

Brano 16                    Tono di apertura della mitrale con lungo intervallo in presenza di aritmia

fibrillatoria a bassa frequenza

Brano 17                    Tono di apertura della mitrale con breve intervallo in presenza di aritmia

fibrillatoria a bassa frequenza

Brano 18        19        3° tono percepibile come reperto fisiologico in un giovane

Brano 19        19        3° tono percepibile come reperto fisiologico in giovane normale

Brano 20                    3° tono percepibile come reperto patologiconell’adulto

Brano 21                    Tono atriale percepibile : il  tono atriale precede il 1° tono atriale e si presenta

cupo, contemporaneamente dispnea a riposo

 

Variazione di intensità dei toni cardiaci:

 

in primo luogo indebolimento del 1° tono

 

Brano 22                    Attenuazione primitiva del 1° tono in presenza d’infarto coronarico

Brano 23                    Attenuazione secondaria dei 2 toni cardiaci in presenza di enfisema

polmonare, come reperto collaterale soffi inspiratori da bronchiectasie

Gruppo d’accentuazione dei tono cardiaci

 

Brano 24                    Accentuazione del 1° tono cardiaco

Brano 25                    1° tono cardiaco scoccante in presenza di stenosi mitralica

Brano 26                    1° tono consonante: alcuni dei primi toni hanno un carattere musicale

Brano 27                    accentuazione del 2° ton cardiaco

Brano 28                    Accentuazione del 2° tono, contemporaneamente soffio sistolico rauco da

sclerosi

Brano 29                    Accentuazione del 2° tono cardiaco in presenza di insufficienza aortica, il 2°

tono chiaro ed accentuato è seguito immediatamente da un 2° soffio

diastolico di timbro scrosciante                                                          soffio diastolico

Brano 30                    2° Tono consonante: Timbro musicale del 2° tono in presenza di aneurisma

aortico

 

Soffi cardiaci                                                                                        

Per il giudizio clinico cardiaco di un soffio cardiaco  per quanto riguarda

l’ascoltazione cardiaca analatica le seguenti caratteristiche sono di

particolare importanza.

Per primo consideriamo l’evento temporale di un soffio in relazione con il

tono cardiaco che precede

Brano 31                    il soffio immediato diastolico segue il tono  precedente senza pausa: come

esempio ricordiamo il soffio immediato diastolico che è patognomonico

dell’insufficienza aortica

Il soffio intervallato, invece, segue il tono cardiaco precedente dopo una

breve pausa come esempio presentiamo il soffio intervallato protodiastolico

in caso di stenosi mitralica

il 2° importante criterio risiede nelle caratteristiche d’intensità di un soffio:

distinguiamo un soffio in decrescendo con intensità in diminuzione, da un

soffio in crescendo con intensità crescente, ed un soffio isodinamico con

intensità costante

 

Il 3° criterio consiste infine nel timbro del soffio : in questo caso riscontriamo

con frequenza le seguenti possibilità: soffio musicale , nell’esempio

riportiamo di seguito uno accanto all’altro un soffio rauco ed un soffio

scrosciante; Infine  soffio con timbro raschiante

La considerazione di queste forme fondamentali dei soffi cardiaci rende

possibile nella maggior parte dei casi un giudizio sicuro sulla diagnosi

cardiologica, senza l’ausilio della tecnologia

presentiamo , adesso

Brano 32        esempio 1        Insufficienza aortica con soffio immediato scrosciante olodiastolico,

forma endocarditica del vizio valvolare

Brano 33        esempio 2        Insufficienza aortica con soffio immediato diastolico di timbro

musicale , forma sclerotica del vizio valvolare

Brano 34        esempio 3        Stenosi valvolare aortica di tipo 1° senza 2° tono

Brano 35        esempio 4        Stenosi valvolare aortica di tipo 2° con  2° tono accentuato

Brano 36        esempio 5        Vizio valvolare aortico combinato

 

 

Disco 2

 

 

 

 

Brano 1          esempio 6        Insufficienza mitralica di tipo 1° con soffio immediato sistolico in

decrescendo

Brano 2          esempio 7        Insufficienza mitralica di tipo 2° con soffio immediato olosistolico

con intensità costante

Brano 3          esempio 8        Insufficienza mitralica di tipo 3° con soffio Intervallato telesistolico in

crescendo

Brano 4          esempio 9        Stenosi mitralica con tono di apertura della mitrale in caso di aritmia

da fibrillazione a bassa frequenza in crescendo

Brano 5          esempio 10      Stenosi mitralica con tono di apertura della mitrale e soffio

protodiastolico intervallato in presenza di ritmo sinusale regolare

Brano 6          esempio 11      Stenosi mitralica con soffio presistolico in crescendo e 1° tono

scoccante

Brano 7          esempio 12      Vizio mitralico combinato, soffio immediato sistolico

dell’insufficienza mitralica, soffio immediato diastolico

dell’insufficienza mitralica

Brano 8          esempio 13      Sclerosi aortico: soffio sistolico da sclerosi di timbro rauco

Brano 9          esempio 14      Soffio dovuto alla presenza di trombi in successione irregolare soffi

sistolici di timbro musicale

Brano 10        esempio 15      Pericardite secca in caso di infarto della parete anteriore con soffio da

sfregamento pericardico

Brano 11        esempio 16      endocardita reumatica florida e soffi sistolico e diastolico dolce

Brano 12        esempio 17      soffio intervallato sistolico accidentale musicale

Brano 13        esempio 18      Pervietà del dotto di Botallo con soffio difasico sistolico diastolico

continuo

Brano 14        esempio 19      Lo stesso paziente dopo l’intervento attenuazione del 1° tono

accentuazione del 2° tono nessun soffio è più udibile

Brano 15        esempio 20      Difetto del setto interatriale

Brano 16        esempio 21      tetralogia di Fallot e soffio sistolico doppio

Brano 17        1° esempio      per confrontare il ritmo normale nell’adulto

Brano 18        2° esempio      tachicardia sinusale con frequenza di 140 b/m’

Brano 19        3° esempio      bradicardia sinusale regolare frequenza al minuto 48 battiti

Brano 20        4° esempio      aritmia sinusale respiratoria regolare

Brano 21        5° esempio      ritmo pendolare

Brano 22        6° esempio      Embriocardia

Brano 23        7° esempio      diagnosi ascoltatoria differenziale delle estrasistoli atriali senza

sdoppiamento del 1° tono. Poi exrasistoli ventricolari con

sdoppiamento del 1° tono

Brano 24        8° esempio      Le forme più frequenti del disturbo del ritmo cardiaco dovuto ad

extrasistoli: per primo extrasitoli atriali frequenti in successione

irregolare poi extrasitolia ventricolare a salve

Brano 25                    Sindrome respiratoria da psiconeurosi

 

 

 

 

 


Leave a comment

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Facebook

“Non cambierai mai le cose combattendo la realta’ esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta’ obsoleta (R.B.Fuller)” ...

View on Facebook

Una Riforma Sanitaria non può essere realizzata senza la valorizzazione dell'attività clinica del medico. ...

View on Facebook

Mainex ha aggiornato la sua immagine di copertina. ...

View on Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook