Home » Prevenzione Cardiovascolare » Semeiotica Polmonare

Semeiotica Polmonare

 

Semeiologia  Auscultatoria del Polmone

 

Disco 3

 

Brano 1                             Nella ascoltazione del polmone di devono distinguere i rumori respiratori

veri e propri e i rumori accessori del respiro: a seconda del luogo in cui si

formano vengono chiamati rantoli i rumori accessori che provengono dal

polmone o meglio dal sistema bronchiale e rumori di sfregamento quelli

che invece provengono dalla pleura

esempio 1        Murmure o respiro vescicolare puro

 

Brano 2          esempio 2        Respiro tracheale rumore respiratorio che si ascolta sulla trachea il

tono del respiro tracheale è più basso di quello del respiro bronchiale

Brano 3          esempio 3        Respiro bronchiale che si incontra nell’addensamento parenchimale e

nella completa infiltrazione del polmone si ascolta ora un respiro

bronchiale con alcuni rantoli consonanti isolati e un leggero

sfregamento pleurico

Brano 4                                Respiro da compressione che è simile al respiro bronchiale ma

generalmente più debole

Brano 5                                Murmure vescicolare indebolito che si ascolta soprattutto nell’enfisema

bronchiale avanzato

Brano 6                                Respiro broncovescicolare che sta tra ilmurmure vescicolare e il respiro

bronchiale del polmone, si incontra nella infiltarazione incompleta del

polmone

Brano 7                                  Respiro anforico che è sicuramente un segno sicuro  di formazione

cavitaria  accompagnato da rantoli metaliici

         Rumori accessori del respiro                                                                                         

Brano 8                      Rantoli umidi o rantoli bollari ovverosia  Ronchi umidi si ascoltano prima

rantoli a piccole bolle, ed ora rantoli a medi e grosse bolle

Brano 9                      rantoli secchi o ronchi russanti e sibilanti si odono dapprima ronchi russanti

poi prevalentemente ronchi sibilanti ed infine ronchi gementi quali si

possono ascoltare nel cosiddetto concerto asmatico

Brano 10                    Rantoli consonanti quali si ascoltano nell’infiltrazione di un distretto

polmonare dapprima si ascoltano rantoli a medie e grosse bolle poi rantoli

consonanti vicini all’orecchio ora rantoli consonanti a piccole bolle , è anche

udibile un leggero respiro bronchiale

Brano 11                    Sfregamenti pleurici:dapprima accompagnati da respiro bronchiale

chiaramente udibile, ancora sfregamenti pleurici, ancora sfregamenti  pleurici

accompagnati da rantoli quasi consonanti

Disturbi del Respiro

Brano 12                    Differenze acustiche proprio nelle più comuni alterazioni del respiro dagli

esempi incisi  si rileva come sia possibile fare una diagnosi clinica e

differenziale già in base ai rumori respiratori percepiti anche  distanza , ossia

non a diretto contatto della parete toracica e prima di ricorrere ai comuni

mezzi diagnostici

I principali disturbi respiratori possono essere suddivisi in 4 gruppi

fondamentali : Dispnee funzionali, quelle su base cardiaca, quelle su base

polmonare e le dispenee negli stati comatosi

 

Dispnee Funzionali

Brano 13        esempio 1        Sindrome respiratoria da psiconeurosi

Brano 14        esempio2         respiro sospiroso il paziente ha la sensazione di non riuscire a

Respirare a fondo


Leave a comment

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook