Home » BPCO » Diagnosi

Diagnosi

Diagnosi e Monitoraggio

Al fine di identificare precocemente i pazienti che soffrono di BPCO, dovrebbero essere sottoposti a spirometria i pazienti che presentano tosse cronica, escreato ed una storia di esposizione ai fattori di rischio, anche se non lamentano dispnea.
La Spirometria rappresenta il golden standard anche perchè l’esame obiettivo, anche se importante, può essere negativo, nonostante la tosse e l’escreato, le migliori indicazioni le fornisce nelle fasi avanzate della BPCO.
La spirometria dovrebbe misurare il massimo volume di aria mobilizzabile a partire da un’ispirazione massima (capacità vitale forzata, CVF) ed il volume di aria espirato durante il primo secondo di questa manovra (volume espiratorio massimo in un secondo, VEMS), dovrebbe poi essere calcolato il rapporto fra queste due misure (VEMS/CVF).
I pazienti con BPCO presentano tipicamente una riduzione del VEMS e della CVF.
Un rapporto VEMS/CVF < 70 % ed un VEMS dopo test di broncodilatazione < 80 % del valore predetto confermano la presenza di una riduzione del flusso aereo espiratorio che non è completamente reversibile.
Valutazione di gravit
La valutazione di gravità della malattia si basa sull’entità dei sintomi, sulla gravità delle alterazioni spirometriche e sulla presenza di complicanze, quali l’insufficienza respiratoria e lo scompenso cardiaco destro.( vedi stadiazione)
Ulteriori Indagini: Per soggetti con BPCO al II stadio (moderato) o con una malattia più grave possono essere utili:
Test di reversibilità con broncodilatatori: Questo dovrebbe essere eseguito solo al momento della diagnosi ed è utile per ecludere la diagnosi di asma, per stabilire la migliore funzionalità respiratoria ottenibile, per misurare la prognosi del paziente, per indirizzare le decisioni terapeutiche.
Test di reversibilità con corticosteroidi
Radiografia del torace: raramente è diagnostica nella BPCO a meno che non sia presente una patologia bollosa, serve per la diagnosi differenziale con altre patologie.
Determinazione dei gas ematici: La determinazione  dei gas ematici è particolarmente importante nelle forme avanzate. Essa dovrebbe essere eseguita in pazienti con valori di VEMS < 40 % del predetto o con segni clinici sugestivi di insufficienza respiratoria o di scompenso cardiaco destro.     I segni clinici di insufficienza respiratoria comprendono la cianosi centrale, gli edemi declivi ed un aumento della pressione venosa giugulare. Un’insufficienza respiratoria è indicata da una PO2 arteriosa < 60 mmHg con o senza una PCO2 arteriosa > 45 mm Hg. La misurazione dei gas ematici dovrebbe essere ottenuta mediante puntura arteriosa; la misurazione della saturazione dell’ossigeno al dito od all’orecchio rappresenta una metodica meo attendibile rispetto alla puntura arteriosa.
Screening per il deficit di alfa-1 antitripsina: In pazienti che manifestano la BPCO prima dei 45 anni o che presentano una pesante storia familiare per questa malattia può essere utile valutare la presenza di un deficit di alfa-1 antitripsina


Leave a comment

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Facebook

“Non cambierai mai le cose combattendo la realta’ esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realta’ obsoleta (R.B.Fuller)” ...

View on Facebook

Una Riforma Sanitaria non può essere realizzata senza la valorizzazione dell'attività clinica del medico. ...

View on Facebook

Mainex ha aggiornato la sua immagine di copertina. ...

View on Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook