Home » Ginecologia » Management della Terapia Ormonale Sostitutiva (TSO) in Menopausa

Management della Terapia Ormonale Sostitutiva (TSO) in Menopausa

foto moduloTOS e menopausa: è il momento di riparlarne

Rossella Nappi (Università degli Studi di Pavia)

Abstract

I risultati del Women’s Health Initiative, 15 anni fa, hanno rivoluzionato il modo di considerare la terapia ormonale sostitutiva (TOS), facendo insorgere preoccupazioni a medici e pazienti e, di fatto, una riduzione dell’attenzione e quindi del trattamento dei sintomi negativi associati a questa fase della vita. Ridiscutendo negli anni i dati di questo studio è emerso che donne trattate durante la transizione alla menopausa, sintomatiche, hanno in definitiva molti benefici e pochi rischi. È quindi importante tornare a parlare di questa possibilità, che può essere considerata una terapia a 360°, capace di prevenire le grandi patologie dell’invecchiamento, come osteoporosi, diabete, ipercolesterolemia, a condizione di utilizzarla al dosaggio più basso possibile e nel tempo giusto.

La Menopausa è la cessazione delle mestruazioni per più di 12 mesi.

L’effetto ormonale più rilevante è diminuzione degli Estrogeni

Sebbene la cessazione delle mestruazioni sia un evento naturale, le conseguenze del deficit estrogenico sono devastanti per alcune donne. Il deficit degli estrogeni può essere considerato un’endocrinopatia in buona fede al pari dell’insufficienza tiroidea o surrenalica; si tratta di un insufficienza ghiandolare (ovaio) con conseguente deficit ormonale (estrogeni) ed eventi patologici come l’atrofia genito-urinaria e l’osteoporosi.. La TSO previene o migliora i processi patologici associati ad essa, nonostante ciò questa terapia rimane grandemente sottoutilizzata e continua ad esserci una grande percentuale di donne in postmenopausa ad alto rischio per le quali tale terapia sarebbe di beneficio.

Bisognerebbe considerare per ciascuna paziente i propri rischi e benefici e quindi decidere se la terapia estrogenica sostitutiva sia adatta o meno.

Utero: con l’aggiunta di un’appropriata dose di progestinici si elimina il rischio che la terapia sostitutiva estrogenica (TSE) possa indurre il cancro dell’endometrio. Nelle donne isterectomizzate non c’è bisogno di aggiungere il progestinico.

Mammella: non è stato osservato un aumento significativo di cancro della mammella in donne che usano la TSO rispetto a quelle che non l’assumono, tuttavia nelle donne ad alto rischio genetico (familiari con K. della mammella) si deve usare cautela.

Malattie cardiovascolari: Grandi benefici

Ipertensione Arteriosa: la TSE può provocare un lieve aumento della pressione arteriosa: si può utilizzare una terapia non orale (transdermica o topica) per evitare l’effetto di primo passaggio epatico degli estrogeni.

Diabete: come le donne con ipertensione, quelle con diabete sono ad alto rischio per malattie cardiovascolari e dimostrano un grande beneficio dalla TSE rispetto alle donne normali.

Tromboembolismo venoso: un piccolo gruppo di pazienti sono a rischio di tromboembolia quando assumono estrogeni esogeni. L’uso di basse dosi di estrogeni non orali minimizzano le potenziali alterazioni delle eptaglobuline indotte dagli estrogeni esogeni.Poichè l’incidenza di tromboembolia è rara, non è utle in termini di costi, selezionare le pazienti con questa predisposizione (per esempio controllando la Proteina C, proteina S, il deficit di antitrombina III. L’anamnesi familiare positiva è un indicazione al controllo.

Malattia coronarica:L’evidenza indica che la TSE è efficace quanto le statine nel trattamento delle dislipidemie. La terapia estrogenica si associa ad una aumentata produzione di Ossido Nitrico e l’effetto antiossidante si esercita impedendo la perossidazione endoteliale delle LDL. Gli affetti antiaterogenici sono maggiori con la terapia per os rispetto a quella transdermica. Le donne che traggono maggiori benefici sono quelle con malattie cardiovascolari e l’uso corrente è associato in maniera importante, ad una maggiore protezione, rispetto ad un uso pregresso.

Osteoporosi:Poichè gli estrogeni offrono molti altri significativi benefici, essi rimangono la scelta ottimale per la prevenzione ed il trattamento dell’osteoporosi : gli estrogeni non solo ostacolano il riassorbimento osseo, ma spesso favoriscono anche l’aumento della massa ossea. Pazienti la cui misurazione della densità ossea si colloca due deviazioni standard al di sotto del picco di massa ossea sono a rischio significativo di fratture e dovrebbero essere considerate per la terapia supplementare.

Atrofia genitourinaria:Un elevata concentrazione di recettori per estrogeni si trova nell’epitelio della mucosa vaginale ed uretrale: il crollo postmenopausale della concentrazione plasmatica di estrogeni è responsabile della gran parte delle disfunzioni sessuali e delle incontinenze urinarie a causa dell’atrofia genitourinaria, pertanto la TSO potrebbe prevenirle.L’integrità dell’epitelio vaginale potrebbe essere ottenuta con piccole quantità di estrogeni applicati localmente.

Sistema Nervoso Centrale: Numerosi studi hanno dimostrato che gli estrogeni promuovono la crescita e la vitalità dei neuroni per la loro capacità di aumentare il flusso ematico cerebrale. E’ stato documentato che nelle donne in postmenopausa il TSO ritarda la comparsa e la progressione della Malattia di Alzheimer.

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook