Home » BPCO » Raccomandazioni

Raccomandazioni

** I broncodilatatori a breve durata d’azione, al bisogno sono indicati nelle forme lievi e in aggiunta  ad altri farmaci in tutti gli stadi della malattia.

** Nei pazienti che rimangono sintomatici nonostante l’uso di broncodilatatori a breve durata di azione bisogna aggiungere broncodilatatori a lunga durata di azione, che si sono dimostrati superiori a una combinazione di broncodilatatori a breve durata.

** Nei pazienti che permangono sintomatici nonostante la terapia bisogna intensificare il trattamento inalatori includendo broncodilatatori a lunga durata di azione e/o una terapia di combinazione che li comprenda.

** La teofillina dovrebbe essere usata solo dopo aver effettuato un periodo di trattamento con broncodilatatori per via inalatoria a breve e lunga durata di azione, o in pazienti che non sono capaci di usare la terapia inalatoria.

** Il test di reversibilità con corticosteroidi orali non deve essere usato per predire la risposta agli ICS e selezionare i pazienti cui prescrivere terapia con ICS.

** Non è consigliata normalmente nella BPCO una terapia di mantenimento con corticosteroidi orali, se non a seguito di una riacutizzazione, nel qual caso la terapia orale deve essere sospesa il prima possibile.

** Qualora si debba effettuare una terapia a lungo termine con steroidi orali è necessario iniziare un trattamento profilattico della osteoporosi, specie se il paziente ha un’età superiore ai 65 anni.:

** Gli ICS dovrebbero essere prescritti ai pazienti con FEV1 <50% del predetto che accusino in un anno 2 o più episodi di riacutizzazione con necessità di antibiotici o corticosteroidi per os.

** Se il paziente permane sintomatico mentre è in monoterapia con broncodilatatori a lunga durata d’azione, bisogna iniziare una terapia di combinazione con varie classi farmacologiche secondo le varie disponibilità attuali.

** Gli inalatori dovrebbero essere prescritti solo dopoche il paziente ne ha compreso il funzionamento e si è esercitato al loro uso, dimostrando un soddisfacente utilizzo dell’erogatore.

** Tale capacità deve essere testata progressivamente nel tempo, se necessario anche con nuove sedute di insegnamento.

 

in tutti i pazienti affetti da BPCO.

 

** La vaccinazione antinfluenzale annuale è raccomandata

** La vaccinazione antipneumococcica dovrebbe essere fatta almeno una volta nei pazienti con  BPCO ed eventualmente ripetuta una

volta in quelli a maggior rischio; tale vaccinazione  dovrebbe essere fatta anche nei pazienti giovani ma con   rilevanti alterazioni

funzionali  respiratorie.

** Non vi è al momento sufficiente evidenza per una profilassi antibiotica ciclica nella BPCO stabile.

** La terapia mucolitica dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti con cronica   produzione di abbondante muco, e proseguita se vi è un miglioramento sintomatico.

** Non vi sono sufficienti evidenze per raccomandare una terapia con antiossidanti o con    immunostimolanti.

** L’approccio terapeuticio alla BPCO stabile non deve prevedere antitussivi.

Sulla base di quanto sopra è possibile sintetizzare l’approccio terapeutico ai pazienti con BPCO in fase stabile in relazione al livello di gravità della malattia

Nei pazienti con pochi sintomi che si presentano solo durante sforzo fisico, oltre all’abolizione dei fattori di rischio, e in particolare del fumo di sigarette, è accettabile iniziare con broncodilatatori a breve durata d’azione al bisogno, di tipo beta-adrenergico o anticolinergico, associati se necessario.

La scelta comunque va individualizzata nel singolo paziente in rapporto ai benefici e agli effetti collaterali

In caso di maggiore intensità e presenza dei sintomi e di ostruzione bronchiale di grado più elevato è opportuno impiegare broncodilatatori a lunga durata di azione di tipo anticolinergico o beta-adrenergico per attenuare la dispnea da sforzo, migliorare la sopportazione degli sforzi fisici e ridurre la frequenza e l’intensità delle riacutizzazioni, utilizzando i SABA al bisogno.

L’associazione LABA/ICS può essere introdotta nei pazienti con BPCO moderata e grave se le riacutizzazioni sono

frequenti e/o persiste importante dispnea nonostante l’uso del solo LABA o LAAC.

Nelle forme più gravi bisogna utilizzare tutte le risorse farmacologiche disponibili per migliorare lo stato di salute del

paziente e la sua qualità della vita


Leave a comment

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari.
Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali 60000 medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.
...

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari. Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.

View on Facebook