Home » Prevenzione Cardiovascolare » Associazioni di broncodilatatori

Associazioni di broncodilatatori

Associazioni di broncodilatatori

La somministrazione combinata di due broncodilatatori a breve durata di azione con meccanismo di azione differenziato (beta-2 adrenergico e anticolinergico) si è dimostrata superiore alla monoterapia con ognuno dei singoli broncodilatatori50,107- 109 e inoltre la combinazione di un anticolinergico a breve durata di azione e di un LABA consente un ulteriore incremento della funzione respiratoria110,111.

Benefici aggiuntivi si possono ottenere anche associando broncodilatatori a lunga durata e meccanismo di azione diverso112.:

La somministrazione combinata di due broncodilatatori a breve durata di azione con meccanismo di azione differenziato (beta-2 adrenergico e anticolinergico) si è dimostrata superiore alla monoterapia con ognuno dei singoli broncodilatatori e inoltre la combinazione di un anticolinergico

a breve durata di azione e di un LABA consente un ulteriore incremento della funzione respiratoria.

Benefici aggiuntivi si possono ottenere anche associando broncodilatatori a lunga durata e meccanismo di azione diversi.

Dopo alcuni studi nel breve termine, ove non era chiaro un vantaggio della combinazione, il confronto fra monoterapia e terapia di combinazione prolungate nel tempo con LABA e LAAC ha dimostrato la superiorità della terapia di associazione

LABA e ICS in unico inalatore

Le combinazioni LABA/ICS preformate attualmente disponibili in Italia sono rappresentate da salmeterolo/fluticasone propionato (S/F), formoterolo/budesonide (F/B) e formoterolo/ beclometasone (F/BC) e gli effetti di queste associazioni sono stati studiati in numerosi studi

Relativamente all’efficacia delle combinazioni (sia S/F che F/B) sulla diminuzione della incidenza delle riacutizzazioni, una revisione sistematica ha confermato la superiorità della terapia di combinazione in unico inalatore rispetto ai singoli LABA, ma suggerisce anche di valutare questa maggiore efficacia alla luce dei possibili effetti collaterali emersi con le combinazioni, in particolare la più frequente incidenza di polmonite apparsa in recenti studi.

Il confronto fra S/F e tiotropio in termini di riduzione delle riacutizzazioni non ha rivelato significative differenze, ma l’aggiunta del salmeterolo o della combinazione S/F alla terapia con tiotropio nella BPCO moderata o grave ha dimostrato un effetto favorevole sulla funzione respiratoria, sulla qualità di vita e sulla incidenza di ricovero.

Sulla base dei risultati dello studio TORCH, le autorità regolatorie

europea (EMEA) e italiana (AIFA) hanno esteso la raccomandazione dell’uso degli steroidi inalatori a pazienti con FEV1< 60% del teorico rispetto al precedente 50%.

Un recente studio, che ha posto l’attenzione anche su aspetti di farmacoeconomia, ha confermato che l’associazione di tiotropio con S/F ha un effetto migliorativo sulla qualità di vita e sulla riduzione dei ricoveri per riacutizzazione rispetto all’impiego del solo tiotropio, ma con un sensibile incremento dei costi, per cui da questo punto di vista né l’associazione fra tiotropio e la combinazione preformata, né quella tiotropio/salbutamolo sembrano essere più attrattive rispetto alla monoterapia con tiotropio.:


Leave a comment

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook