Home » BPCO » Indagini Complementari

Indagini Complementari

Misurazione dei volumi polmonari:

(Capacità Vitale, Inspiratoria, Capacità Inspiratoria, Volume Residuo, Capacità Polmonare Totale)

tale misura è necessaria in caso di patologie polmonari complesse, per la valutazione differenziale tra pattern ostruttivo atipico e restrittivo.:

 

Saturimetria percutanea: misura la percentuale di emoglobina saturata senza necessità di prelievo ematico (SaO2).

Fornisce quindi un parametro importantissimo di ossigenazione del sangue che può essere misurato estemporaneamente, nel corso di esercizio fisico o durante una intera giornata mentre vengono svolte le comuni attività applicando un apposito apparecchio (saturimetro o pulsiossimetro)

alla estremità di un dito della mano.

La saturimetria, nei pazienti è un utile strumento per valutare patologie che comportano alterazioni degli scambi gassosi e la necessità di ossigenoterapia supplementare.

Emogasanalisi:

nei casi di BPCO severa e per valutare l’eventuale indicazione alla ossigenoterapia di lunga durata.

Va sempre eseguita per diagnosticare l’insufficienza respiratoria e/o l’ipercapnia quando la saturazione SatHbO2<95%.

Radiografia del torace: può essere utile per l’eventuale presenza di alterazioni parenchimali a focolaio e soprattutto per la presenza di cancro del polmone che ha in comune con

la BPCO il fattore di rischio del fumo di sigaretta.

TAC ad alta risoluzione:

utile per la quantificazione della quota di enfisema e per la presenza di bolle

 

Il dosaggio ematico di alfa-1 antitripsina:

se evidenzia una sua diminuzione, identifica un raro genotipo di enfisema che può essere sospettato in giovani pazienti con patologia respiratoria e con anamnesi familiare positiva.

Monitoraggio continuo della saturazione ossiemoglobinica notturna:

l’ossimetria notturna è una tecnica indispensabile per la diagnosi di insufficienza respiratoria latente notturna (SpO2<90% per più del 30% del tempo di registrazione).

Monitoraggio cardio-respiratorio ed eventuale polisonnografia

in casi selezionati sulla base del sospetto di disturbi respiratori del sonno che possono complicare il decorso della BPCO.

Il test del cammino per 6 minuti con misurazione continua della saturimetria:

è una prova di facile esecuzione, sicura ed attendibile, che misura la distanza percorsa da un paziente che cammina in piano per 6 minuti.

 


Leave a comment

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Facebook

Da circa 30 anni stiamo assistendo al proliferare di ambulatori specialistici dedicati a singole patologie (osteoporosi, diabete clinico, piede diabetico, asma, Asma, BPCO, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, aritmie, menopausa, allergie , tireopatie, epatopatie , coliti, gastriti etc etc..).
Le liste di attesa sono piene di controlli programmati a distanza di mesi o addirittura di anni e vengono effettuati in pazienti che stanno benissimo, e che quando stanno male veramente devono ricorrere al privato per essere curati con sollecitudine.
Una recente indagine ha chiarito che oltre il 30% dei controlli specialistici sono inappropriati.
Per eliminare questo spreco è necessario che il medico di base riacquisti un ruolo attivo nella gestione delle patologie croniche almeno finchè non si destabilizzino.
Per riqualificare le sue prestazioni professionali il MMG deve acquisire le conoscenze scientifiche che le legittimerebbero.
La complessità e la molteplicità delle problematiche richiederebbe, però, un impossibile impegno intellettuale per non negare ai pazienti le conoscenze e le competenze specialistiche
La tecnologia informatica di tipo esperto DSS (Decision support system) potrebbe realizzare questo processo culturale di trasferimento di ambiti di conoscenza specialistica per essere applicata alla popolazione nel territorio.
Per stabilire quando una patologia si destabilizza e necessita dell'intervento dello specialista si devono analizzare una serie di parametri clinici, antropometrici e di laboratorio che il DSS organizza su un foglio elettronico (tipo Excel).
La riaggregazione , l’analisi matematica dei dati consentono di eseguire delle concatenazioni logiche (“ragionamenti”) a partire dalle informazioni fornitegli, fino a trarne delle conclusioni coerenti, come se essi scaturissero dalla logica e dalla conoscenza di un “Esperto” del problema in esame ( Specialista).
Con l'adozione di questi supporti decisionali, la dotazione di un elettrocardiografo, uno spirometro , un glucometro e una bilancia pesa persone negli attuali studi medici si potrebbero gestire il 75 % delle patologie croniche ed erogare in modo capillare ed uniforme quel 30% di prestazioni specialistiche inappropriate.

www.youtube.com/playlist?list=PLlObiwHmWKrm4Ei-QM6b8cxzw94ZPO5iQ
...

View on Facebook

Mainex ha condiviso un link. ...

View on Facebook

SMART SANITA' ...

View on Facebook

SMART SANITA': L'impresa è ardua, impossibile per chi non desidera il cambiamento , possibile per chi, invece, lo vuole. ...

View on Facebook