Home » 2017 » gennaio

Monthly Archives: gennaio 2017

Progetto diabete ?

DIABE                                

Sentire un funzionario regionale che afferma che in FVG si sta cercando , primi in Italia !, di fare un censimento sul diabete, che rappresenta la maggiore patologia cronica, concausa di gran parte delle altre, mi induce a pensare che i termini altisonanti con cui si sono intitolate le tematiche congressuali degli ultimi 20 anni (Governance, management, efficienza, Efficacia, appropriatezza) non sono stati altro che degli artifizi lessicali propedeutici per una Riforma Sanitaria che millanta migliorie e provoca sempre più danni.
La Riforma, infatti, somiglia al progetto di quel geometra “alticcio”, che prevedeva la costruzione del tetto prima delle fondamenta nella nuova casa.
Del paradigma meno ospedale più territorio si sta realizzando soltanto la prima parte (il tetto = meno ospedale) lo testimoniano le quotidiane notizie infauste di decessi avvenuti subito dopo le dimissioni frettolose per carenza di posti letto. Il territorio che doveva rappresentare le fondamenta della Riforma allo stato attuale è ancora un fantasma: se il Fvg è primo in Italia a cercare di mettere ordine in questa materia, figuriamoci cosa succede nelle altre regioni.
I tabulati informatici contengono clamorose inesattezze sul numero effettivo dei diabetici, sono inclusi molti pazienti non diabetici, sono esclusi molti pazienti diabetici. Ma qualora si riesca ad avere un entità globale dei diabetici, come si fa ad avere un quadro prognostico reale? Siamo ancora ai primi anni del nuovo secolo, quando mi sono dimesso dal partecipare ad un progetto Diabete Regionale perchè il target del progetto era, esclusivamente, quello di stabilire la diagnosi. Allo stato attuale dopo quel progetto regionale siamo al punto che non si conoscano quanti diabetici ci siano in regione. Di questo passo per avere una gestione appropriata della patologie e delle sue complicanze occorreranno altri 20 anni , se adesso il target del progetto attuale è quello di conoscere il numero dei diabetici che hanno effettuato l’emoglobina glicata piuttosto di conoscere
il numero dei pazienti che sono scompensati,
quali complicazioni ha provocato,
quali sono i diabetici con il maggiore rischio Cardiovascolare
Senza queste informazioni non potrà mai essere attuata una seria programmazione per poter organizzare la gestione clinica dei pazienti scompensati e a maggiore rischio di complicanze invalidanti o fatali.
Tutte queste informazioni cliniche dovrebbero essere patrimonio della Medicina Primaria, se si sta facendo adesso il censimento di queste patologie vuol dire che i sistemi informatici in uso ai medici di base sono inadeguati a fornire una fotografia della epidemiologia e, ancor più, per una più qualificata gestione. Se non si dispone della mappa dei parametri clinici sensibili, se non si dispone delle possibili alternative terapeutiche risulta difficile se non impossibile attuare una corretta gestione delle patologie croniche. Per migliorare i servizi sanitari “non basta” ridurre i posti letto in ospedale e creare le AFT e/o i CAP occorre riformare l’attuale informatizzazione sanitaria dei medici di base adottando i veri supporti decisionali che farebbero diventare Esperti tutti i medici di base. E’ patetico sentire dagli attuali responsabili dell’informatizzazione Sanitaria definire supporti decisionali gli attuali gestionali dei medici di base. Attualmente l’unico strumento informatico sanitario per la medicina generale è MAINEX (medical Application Information Experts) in grado di fornire automaticamente la mappa delle patologie croniche, dei pazienti a maggiore rischio Cardiovascolare, dei pazienti scompensati, l’appropriatezza delle terapie farmacologiche e degli esami diagnostici di laboratorio e strumentali. Tutto ciò è all’ordine del giorno del Ministero della Sanità da sempre ma da circa 20 anni questo progetto è stato ostacolato. Bisognerebbe chiedersi perchè ? L’immagine postata è la fotografia di ciò che un sistema esperto è in grado di fornire automaticamente senza la necessità di avviare altisonanti progetti.

ip_3

 

gennaio: 2017
L M M G V S D
« Nov   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Facebook

Un altro modo di lavorare. Meno tempo dedicato alla burocrazia più alla clinica. ...

View on Facebook

Nonostante siano trascorsi quasi 20 anni dallo Studio Framingham , il suo metodo rappresenta il Golden standard tra tutti gli altri metodi in circolazione.
www.facebook.com/francesco.piruzza/videos/vb.1321789057/10209623169038997/?type=2&theater&notif_t...
...

View on Facebook

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari.
Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali 60000 medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.
...

L'attuale modello sanitario della Medicina Primaria, nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi 20 anni non hanno prodotto i risultati che ci si attendeva e cioè la riduzione delle liste di attesa per gli accertamenti specialistici e la riduzione deli accessi ai Pronto Soccorso. I medici di base sono stati oberati da una incredibile quantità di cavilli burocratici e sono stati costretti ad adottare sistemi informatici sempre più sofisticati per poter gestire la burocrazia. Addirittura si organizzano corsi di Formazione per imparare a gestirla. Durante una giornata di ambulatorio su circa 50 accessi si contano sulle dita di una mano quelli che accedono all'ambulatorio per problemi di salute, il resto vi accede per certificati di malattia, ripetizione di ricette e o per impegnative di visite specialistiche programmate da altri operatori sanitari. Soltanto con l'adozione di un supporto decisionale come MAINEX si può recuperare ed eliminare il più grande spreco della Sanità : quello di centinaia di migliaia di euro che lo stato e le famiglie hanno speso per fare laureare gli attuali medici di base , utilizzati per mansioni impiegatizie anziché professionali.

View on Facebook